Addio ai capelli, al peso forma, all'energia... La diagnosi di un tumore irrompe nella vita di Elisabetta e sembra destinata a cancellare la sua bellezza e femminilità. Ma, a sorpresa, la malattia riaccende vecchie passioni, svela doti nascoste. Così la vita può essere ancora bella

di Mariateresa Truncellito

Mi chiamo Elisabetta, ho 40 anni, una professione al top, un compagno, tanti amici e tanti interessi. Sono quel che si dice «una donna pienamente realizzata». O meglio: ho sempre creduto di esserlo. Perché solo quando mi è venuto il cancro ho capito l'importanza del flamenco.

L’arte cubana, Niki de Saint Phalle e l’illustrazione per l’infanzia

di Mariateresa Truncellito

La decolonizzazione, la ricerca dell’identità nazionale, le guerre d’indipendenza, la Rivoluzione e la costruzione di utopie politiche: Cuba è un paradigma del XX secolo. Crocevia della Vecchia Europa e del Nuovo Mondo, ha costituito un fertile terreno culturale e la culla di un’autonoma scuola artistica. Ma se la musica e letteratura sono note in tutto il mondo, altrettanto non si può dire per le arti visive.

Lo spirito della cavalleria islamica va in scena a Nizza

di Mariateresa Truncellito

Nessuna lingua ha l’equivalente «furûsiyya», parola araba che deriva da faras, cavallo: un termine che indica l’insieme delle conoscenze equestri, dell’arte della guerra e della caccia, di passatempi come gli scacchi (che richiedono riflessione, concentrazione e abilità), ma anche uno stile di vita e una nobiltà di spirito basata su valori morali come il coraggio, la generosità, l’onore.

Nulla a che vedere con Freud. Le visioni notturne sono un infallibile check-up di corpo e mente. Come rivela una studiosa di medicina cinese

di Mariateresa Truncellito

Un terzo della nostra vita trascorre senza il nostro controllo: una montagna di ore preziose che potremmo impiegare lavorando (per gli stakanovisti), dedicandoci allo shopping (per le fashion victim), alla palestra (per chi «il mio corpo prima di tutto») o a fare l’amore. Insomma: ci sarebbero milioni di cose interessanti e invece dobbiamo dormire. Spesso ci sembra tempo sprecato.

Non una rivista, non un libro e nemmeno un sito. O comunque non solo. Noname Magazine è un progetto multimediale underground che propone percorsi artistici a 360 gradi. Una vetrina per creativi emergenti e maestri in cerca di nuovi linguaggi

di Mariateresa Truncellito

Non è una rivista, non è un libro, non è un album. Noname Magazine è un progetto editoriale: in quanto tale, si guarda, si legge e si sfoglia. Ma non nel senso convenzionale dei termini visto che le pagine, sciolte, sono anche poster, stampe, foto, libriccini da staccare e collezionare. Pesa (oltre due chili), va maneggiato con cura, occupa spazio, tempo e denaro (costa 60 euro): non è possibile leggerselo in metrò, per dire. Paradossalmente, nella sua essenziale e giocosa modernità richiede quel tipo di attenzione che gli studiosi una volta riservavano agli antichi incunaboli, fruibili solo con calma, posati su un tavolo. I contenuti sono opere di artisti di tutto il mondo, selezionati con un’accurata ricerca, in una visione più ampia possibile di ciò che si definisce sommariamente arte contemporanea.

Il New Museum of Contemporary Art di New York, metafora delle idee sempre in divenire

di Mariateresa Truncellito

Da bambini Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa devono essersi parecchio divertiti con il Lego e i cubi di legno: osservando il New Museum of Contemporary Art di New York, che da lontano appare come una precaria torre di sette grossi scatoloni rettangolari impilati come viene viene, inevitabile pensare che una traccia di quel lontano (la prima ha 52 anni, il secondo 42) gioco infantile) sia rimasta indelebilmente impressa nella memoria dei due architetti giapponesi.

Mirò, Le Corbusier e Baj: tre grandi del Novecento che hanno giocato con il collage

di Mariateresa Truncellito

L’Italia riflette sul Novecento con tre mostre dedicate a grandi artisti che non hanno mai smesso di sperimentare e di «giocare» con i mezzi espressivi: tra gli altri, il collage.

Stelle del cinema immortalate dall’obiettivo di Sam e Larry Shaw in una mostra al Museo Alinari di Firenze

di Mariateresa Truncellito

Senza la fotografia non esisterebbe il cinema. Ma forse non esisterebbero nemmeno i divi: lo testimonia la mostra «Stars on Stage. Divi e miti nelle immagini di Sam Shaw e Larry Shaw», al Museo nazionale Alinari della fotografia di Firenze, fino al 25 marzo 2008.

Opportunità o scommessa? Scelta coraggiosa o azzardo? Da gennaio 2008 è possibile, per le ragazze tra gli 11 e i 12 anni, vaccinarsi contro il papilloma virus. Ai genitori l'onere di decidere. Ecco tutti i pro e i contro del Gardasil
Ipnotici nelle trame e smisurati nelle dimensioni, gli arazzi barocchi celebravano la gloria dei re. Una mostra al Metropolitan Museum di New York ne rivela oggi i segreti

di Mariateresa Truncellito

Alla king-size i newyorkesi dovrebbero essere abituati: grattacieli, highway multicorsie, hamburger come torte di compleanno. E invece eccoli qui, a bocca aperta e occhi spalancati davanti agli immensi arazzi di Tapestry in the Baroque: Threads of Splendor, la grande mostra che, fino al 6 gennaio 2008, il Metropolitan Museum of Art dedica ai preziosi tappeti da parete tessuti in Europa nel XVII secolo.

Libro Focus

La parte centrale
del capitolo dedicato
all'identità sessuale
nel libro a cura di
Marta Erba
Chi sei?
Conosci te stesso
con l'aiuto della scienza
,
è basata sull'articolo
E loro sono
maschi o femmine?

Focus - Chi sei?

- Attualità (28)
- Costume (37)
- Cultura (67)
- Gastronomia (13)
- Nutrizione (11)
- Salute (56)
- Spettacolo (23)
- Viaggi (21)

Testate

- Anna (8)
- Bella (39)
- Bravacasa (1)
- Buona Cucina (7)
- Campus (1)
- Class (1)
- Confidenze (15)
- D'U (1)
- Elle (25)
- Esclusive Web (1)
- Focus (6)
- Goya (7)
- Io e il mio bambino (1)
- Luna (1)
- Luna & Gentleman Matrimoni (1)
- Meridiani (4)
- News Esselunga (7)
- Novella 2000 (7)
- Starbene (16)
- Tu Style (2)
- Vera Magazine (14)
- Verve (85)
- Viaggi Magazine (4)
- Yoga Journal (2)